Pubblicazioni

Libri

Android Programmazione Avanzata
(con Emanuele Di Saverio)
XXX pagine – ISBN XXXX – FAG – 2012
Java Micro Edition
Sviluppare applicazioni network-oriented per telefoni cellulari e PDA
274 pagine – ISBN 9788820339241 – Ulrico Hoepli Editore – 2007

Articoli su riviste web

A chat project: back from the unknown
(Marco Marongiu, Stefano Sanna)
Free Software Magazine n. 6, 2005 (HTML, PDF )
Perl threads, open standards and interoperability. An explorer’s report
Object-driven Application Design
(Davide Carboni, Gavino Paddeu, Stefano Sanna)
ERCIM News n. 54, 2003 ( HTML, PDF)
Techniques and frameworks that assist designers and programmers in the development of applications that are seamlessly portable from one device to another are still a challenge. The e-mate project at the Center for Advanced Studies, Research and Development in Sardinia (CRS4) tackles this issue proposing a technique based on the object-oriented paradigm with a strong focus on the delivery of services on multiple platforms.

Articoli web vari

Motorola A835 e Linux Mini-HOWTO (HTML)
Questo documento illustra le modalita’ di utilizzo di Linux con un telefono cellulare UMTS Motorola A835 attraverso connessione con il gestore di telefonia 3

ICARO: Studio della installazione dell’Aglet Software Development Kit in ambiente Linux e sviluppo di un sistema di monitoraggio di server attraverso agenti mobili
(Stefano Sanna, Alessandro Spanu)
Mokabyte n. 26, 1999 (HTML)
Nell’ambito dello studio di applicazioni ad oggetti distribuiti una delle tecnologie proposte si basa sul concetto di agente mobile. Tra i vari prodotti commerciali disponibili ha riscosso un buon successo quello sviluppato da I.B.M. Japan, basato sul linguaggio Java. Questo sistema ad agenti, denominati Aglets, offre alta portabilit? una architettura robusta e sicura, unite ad un supporto completo per il programmatore. L’ambiente di sviluppo degli Aglets (ASDK – Aglets Software Development Kit) ?interamente realizzato in Java ed ?liberamente scaricabile dal sito I.B.M.; questo particolare, unito al fatto che anche il JDK ?distribuito gratuitamente dalla Sun Microsystems, rende gli Aglets una soluzione economica per implementare oggetti distribuiti. Benche’ scritto in 100% Pure Java, l’ASDK è stato testato (ed ?in un certo senso “garantito”) solo sulle piattaforme commerciali Microsoft Windows 95/NT, Sun Solaris e SunOS, I.B.M. OS/2 e AIX. Partendo dal presupposto di portabilit?di codice Java in diverse piattaforme, scopo del nostro progetto ? * studiare l’installazione e l’uso dell’ASDK in ambiente Linux; in questo modo si vuole valutare la possibilit?di disporre di un ambiente (sistema operativo, tool di sviluppo, architettura) totalmente gratuito per lo sviluppo di sistemi distribuiti. * sviluppare un agente mobile che effettui il controllo del carico di macchine Linux. Il progetto ?stato denominato ICARO, le cui vocali individuano l’acronimo Intelligent Agent-based Observer.

Articoli su riviste cartacee

Implementare meccanismi “Update & Trial” su Java ME
(Stefano Sanna)
DEV n. 135, 2005
Sviluppo di applicazioni J2ME in ambiente Linux
(Stefano Sanna)
DEV n. 134, 2005
Lo sviluppo di applicazioni J2ME è spesso vincolato di strumenti in ambiente Windows. In questo articolo vedremo come predisporre un ambiente completo per Linux, in grado di coprire le fasi di sviluppo, testing e installazione sul dispositivo.
38.991 N 8.937 E – Instant Messaging in a bottle e gli altri
(Davide Carboni, Stefano Sanna)
DEV n. 134, 2005
Dopo aver ottenuto la posizione corrente su un dispositivo mobile occorre stabilire quale meccanismo utilizzare per trasmettere l’informazione ad un server remoto o ad un peer mobile. Esistono diversi approcci possibili, ciascuno adatto ad un particolare contesto applicativo. In questo articolo parliamo di http, web services, sistemi di instant messaging e SMS.
La Web Services API di J2ME
(Emanuela De Vita, Stefano Sanna)
Computer Programming n. 150, 2005
La disponibilità di una API per la realizzazione di web service consumer su piattaforma mobile permette, finalmente, di rendere realizzabili molti degli scenari applicativi prospettati fin dall’avvento della piattaforma Java ME. In questo articolo esploriamo la specifica JSR 172.
Misure minime di sicurezza: aspetti pratici
(Massimo Farina, Stefano Sanna)
DEV n. 131, 2005
….
Linux & Bluetooth
(Stefano Sanna)
DEV n. 128-130-131, 2005
….
Interfacce utente più ricche con MIDP 2.0
(Stefano Sanna)
DEV n. 127, 2005
….
Installare Linux su PDA
(Stefano Sanna)
DEV n. 126, 2005
….
La Game API di J2ME
(Stefano Sanna)
DEV n. 125, 2005
….
J2ME secondo atto: MIDP 2.0
(Antonio Pintus, Stefano Sanna)
DEV n. 123, 2004
….
La Mobile Media API di J2ME
(Stefano Sanna)
DEV n. 122, 2004
….
La Wireless Messaging API di J2ME
(Stefano Sanna)
DEV n. 121, 2004
….
La piattaforma Java Card
(Stefano Sanna)
DEV n. 121, 2004
….
Introduzione alle Smart Card
(Massimo Farina, Stefano Sanna)
DEV n. 121, 2004
….
EWE: un ambiente Java-like per programmare i PDA
(Stefano Sanna)
DEV n. 119, 2004
Gli sviluppatori di applicazioni per palmari hanno a disposizione numerosi ambienti distribuiti da importanti nomi del settore. Accanto ai prodotti commerciali, spesso legati a vincoli di licenza e distribuzione, vi sono anche interessanti soluzioni Open Source. Vediamo in questo articolo un ambiente potente e flessibile per la programmazione su PDA, distribuito con licenza LGPL.
Mobile Computing: programmare a costo zero cellulari e PDA
(Antonio Pintus, Stefano Sanna)
DEV n. 118, 2004
Il mercato dei dispositivi mobili è una grande opportunità per i produttori di hardware, gli operatori TLC e gli sviluppatori. Sulle idee di questi ultimi si basa il successo delle reti wireless a larga banda: lo hanno capito i nomi pi&uagrave; importanti del settore, che hanno da tempo iniziato a distribuire gratuitamente i loro ambienti di sviluppo, di seguito descritti in questo articolo.
Java su PDA. Un terminale per connessioni socket/seriali
(Stefano Sanna)
DEV n. 116, 2004
Dopo aver presentato PersonalJava e le modalità di installazione delle applicazioni su PDA iPAQ, vediamo in questo articolo come progettare e implementare un semplice terminale, in grado di gestire connessioni attraverso socket e porta seriale RS-232.
Java su PDA. Introduzione a PersonalJava e J2ME PersonalProfile
(Stefano Sanna)
DEV n. 115, 2004
In questo articolo presentiamo PersonalJava e la specifica Java2 MicroEdition per computer palmari, set-top box e Internet appliance. Come già nel settore desktop, gli sviluppatori hanno uno strumento per progettare e realizzare applicazioni indipendenti dall’hardware e dal sistema operativo.
JavaComm: interfacciare un display LCD e un telefono cellulare
(Stefano Sanna)
DEV n. 114, 2004
In questo secondo e ultimo articolo presentiamo un esempio pratico di utilizzo della libreria JavaComm per la programmazione delle porte seriali in Java. Vedremo come sviluppare un semplice sistema di log, basato su interfaccia XML-RPC, in grado di notificare eventi attraverso un display LCD o un SMS.
JavaComm: introduzione alla libreria
(Stefano Sanna)
DEV n. 113, 2003
In questo articolo presentiamo la libreria JavaComm, una estensione standard della piattaforma java che permette il controllo delle porte di comunicazione seriali e parallele. La disponibilità di questo strumento permette di sviluppare interessanti applicazioni per il controllo di svariati dispositivi hardware
Applicationi multimediali con MMAPI
(Stefano Sanna)
Computer Programming n. 130, 2003
….
Realizzare semplici servizi web con XML-RPC
(Stefano Sanna)
DEV n. 110, 2003
In questo articolo presentiamo il protocollo XML-RPC per l’invocazione remota di metodi attraverso lo scambio di file XML su HTTP. XML-RPC permette di realizzare semplici web web services con poche righe di codice ed e’ particolarmente adatto all’implementazione di applicazioni per dispositivi mobili quali telefoni cellulari e PDA
MEWS: un client NNTP per dispositivi J2ME/MIDP
(Antonio Pintus, Stefano Sanna)
Login n. 40, 2003
Il Mobile Information Device Profile fornisce tutti gli strumenti per l’implementazione di applicazioni Internet-based ben note: news, posta elettronica, web browsing ed altre. In questo articolo affrontiamo il design e lo sviluppo di un semplice news reader.
La piattaforma J2ME per il mobile computing
(Antonio Pintus, Stefano Sanna)
Login n. 39, 2003
Il mobile computing e le applicazioni per dispositivi wireless rappresentano la nuova frontiera per gli sviluppatori software. In questo articolo esploriamo le caratteristiche della piattaforma J2ME, che permette di sfruttare la potenza e la semplicita’ del linguaggio Java su palmari e cellulari di nuova generazione
Lo sviluppo di applicazioni P2P: una semplice chat in Java
(Stefano Sanna)
Login n. 28, maggio/giugno 2001

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image